Le meduse e lo yak. Insieme

Dove possiamo trovare le meduse e lo yak assieme? Al padiglione del Principato di Monaco ad Expo 2015. Due progetti per la salvaguardia degli animali e delle popolazioni che da loro dipendono

principato_Monaco

Il padiglione del Principato di Monaco ad Expo 2015

Le meduse sono strani animali. Sopravvivono sulla Terra da 500 milioni di anni, ma ora il loro numero sta aumentando rapidamente e le troviamo numerose anche nel nostro Mar Mediterraneo. Nelle zone dell’Asia Orientale, del Mar Nero, delle Hawaii e dell’Antartide sono aumentate del 60%. I danni che provocano sono immediati, problemi sulle spiagge e per la balneazione e a lungo termine, perché causano la diminuzione del numero dei pesci.
La pesca eccessiva, i cambiamenti climatici, l’aumento della temperatura dell’acqua e l’acidificazione degli oceani sono tutti responsabili dell’aumento delle meduse nei mari delle coste italiane e del mondo.

Chi sono queste meduse? Una bellissima installazione all’interno del padiglione del Principato di Monaco le racconta così e ne mostra alcuni esemplari vivi in un’acquario:

meduse

Interno del padiglione del Principato di Monaco ad Expo 2015: le meduse

I tentacoli della medusa più grande al mondo sono lunghi 36,5 metri.
I tentacoli a volte sono un’arma mortale: alcune specie di cubozoa hanno un veleno letale.

Le meduse sono composte per il 90% da acqua e fuori dal mare collassano e muoiono.

Non hanno un sistema respiratorio ma assorbono ossigeno attraverso la pelle sottile.
Sono carnivori passivi: si nutrono di plancton, crostacei, altre meduse, uova di pesce e piccoli pesci.
Non hanno cervello. Non hanno un sistema nervoso centrale, ma una rete diffusa di nervi detta rete neurale

Le meduse sono più resistenti di quel che pensiamo e si adattano facilmente anche ad acque inquinate e degradate. Perciò stanno proliferando in molte zone del mondo. I nostri comportamenti favoriscono la loro crescita: noi cacciamo i loro predatori naturali, come tartarughe e tonni, e le meduse vivono e si moltiplicano in tranquillità. Le meduse vivono bene nelle acque che diventano sempre più calde. Il poco ossigeno presente nelle acque calde (e spesso degradate) non le disturba. Anche i pezzi di plastica che si trovano in mare non le danneggiano. Le meduse, quindi, crescono a discapito dei pesci.

L’oceano e i mari sono ecosistemi da preservare in sé e perché sostengono molte popolazioni di pesci, crostacei e molluschi che ci forniscono cibo. Le meduse, con la loro proliferazione, ci stanno comunicando questo messaggio. Per mantenere l’equilibrio degli oceani occorre favorire una pesca sostenibile, combattere il cambiamento climatico e l’inquinamento marino.
Nel Principato di Monaco la Fondazione Alberto di Monaco, Prince Albert 2 of Monaco Foundation, si occupa di ricerca, di salvaguardia e protezione dell’ambiente e ha creato un bellissimo padiglione con filmati, molti dati e giochi interattivi per coinvolgere tutti nella tutela dell’ambiente, soprattutto del mare.

Chi è lo Yak? Gli yak (Bos grunniens, L. 1766) sono dei mammiferi della famiglia dei bovidi. Vivono in tutta la regione dell’Himalaya, nel sud dell’Asia centrale, nell’altopiano del Tibet, fino alla Mongolia e alla Russia. Questi animali sono speciali per molti allevatori di bestiame in Mongolia: resistono al clima rigido e inospitale di quelle zone. Da solo, uno yak fornisce quasi tutto il necessario ad un contadino: la carne, i prodotti caseari, le fibre.

Quindi un contadino, o un allevatore di altri animali, se possiede uno yak, può ricavare da questo tutto il necessario per vivere. I ricavi della vendita dei prodotti dello yak servono per la famiglia e quel che avanza viene reinvestito in agricoltura e allevamento sostenibile.
Ad esempio il progetto del Principato di Monaco si chiama “Yak for life”. Agronomi e veterinari senza frontiere (AVSF) dal 2004 sostengono gruppi di allevatori in Mongolia, per rendere questi allevamenti pastorali più eco-sostenibili. Questo ente ha creato una federazione di più di 850 allevatori nelle zone dell’Arkhangai e del Bayankhongor in Mongolia. Inoltre, 120 famiglie di cooperative contadine che possiedono uno yak hanno iniziato ad esportare in Europa e Nord America i prodotti ricavati da questi animali.

2.Yak-for-life

Il progetto “Yak for life” di AVSF

Molto interessante la visita al padiglione del Principato di Monaco qui ad Expo 2015. Anche perché solo qui si possono incontrare le meduse e gli yak. Insieme.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: