curiosa di natura

Gli scienziati dell’ONU e il clima

Negli scorsi giorni in Corea del Sud si sono riuniti 91 scienziati da tutto il mondo per fare il punto della situazione del clima. I risultati sono preoccupanti

Il riscaldamento globale è già in atto e ce accorgiamo dal clima più caldo e dall’aumentare degli eventi estremi quali inondazioni, incendi, calamità. 

Durante l’Accordo di Parigi, solo tre anni fa, si era deciso di non superare di 2 gradi l’aumento della temperatura media a livello globale, ma occorre già rivedere le decisioni e scendere a 1,5 gradi centigradi. 

Con il livello attuale di emissioni in atmosfera l’aumento della temperatura media globale sarà superiore a 1,5 gradi centigradi già nel 2040

91 scienziati provenienti da oltre 40 Paesi al mondo si sono riuniti in Corea del Sud per analizzare le differenza che ci sarebbero tra un mondo con la temperatura media globale aumentata di 2°C e uno con un aumento di 1,5°C. Sembra una sciocchezza, ma è sufficiente una differenza di mezzo grado centigrado per cambiare lo scenario naturale globale.

Lo studio si intitola “Global Warming of 1,5°C e mostra scenari futuri preoccupanti. Forse non ce ne rendiamo conto. Forse pensiamo che tutto questo accadrà tra cent’anni e non sarà più un nostro problema. Non è così. Gli studi ci dicono che la situazione potrebbe essere molto compromessa già tra vent’anni.

In un mondo a +2 gradi, i rischi economici e sociali sarebbero enormi. Gli eventi estremi sempre meno estremi e sempre più frequenti. Il mare si innalzerebbe di 0,1 metri, sparirebbero le Maldive ma anche Venezia, molto probabilmente. 

Un grande allarme generale è quello che gli scienziati ci rimandano come risposta al summit in Corea del Sud. Dopo due anni abbastanza tranquilli, il 2015 e il 2016, nel 2017 le emissioni di gas serra in atmosfera sono di nuovo aumentate. Secondo i 91 scienziati, gli Accordi di Parigi sono troppo ottimistici. Molte zone del pianeta sono davvero molto fragili: le coste dell’Oceano Pacifico, le barriere coralline, le zone costiere della nostra bella Italia. 

“Global warming of 1,5°C” è lo studio dell’IPCC che mostra come sarebbe il mondo se la temperatura media globale aumentasse di 1,5°C

Cosa occorre fare? Le proposte fatte dagli scienziati sono:

– tagliare del 45% le emissioni di anidride carbonica, CO2, in atmosfera entro il 2030

– abbandonare il carbone come fonte energetica

– aumentare la quota delle fonti energetiche rinnovabili fino quasi al 70%

Un’ulteriore proposta per incoraggiare questi difficili cambiamenti è quella di introdurre una tassa sull’anidride carbonica emessa in atmosfera – variabile tra i 135 e i 5.500 dollari per tonnellata – tassa che molto difficilmente verrà approvata a livello globale. 

Questo post è solo un breve riassunto di una situazione complessa. Vi invito a leggere articoli, a informarvi, ad agire. A me sembra che gli scienziati parlino chiaro: la situazione è grave, non abbiamo più tempo per cambiare le nostre abitudini e salvare il clima, la natura e anche noi stessi. Eppure il mondo non sembra prendere troppo sul serio queste considerazioni e questi allarmi. 

Zanna Bianca e la Giornata degli Animali

Il 6 e 7 ottobre, ENPA festeggia in Italia la Giornata degli Animali. Quest’anno ci sarà anche la presentazione del film Zanna Bianca ad aiutare il progetto di reinserimento dei pitbull ex combattenti

Nelle sale cinematografiche è in uscita il film di animazione Zanna Bianca diretto da Alexandre Espigares. Nella versione italiana, la voce narrante è quella di Toni Servillo.

Protagonista del film è un lupo con un quarto di sangue di cane, un animale fiero e coraggioso che sarà vittima della cattiveria dell’essere umano. Cresce nelle terre innevate del Grande Nord e viene accolto dalla tribù di nativi americani di Castoro Grigio. Zanna Bianca combatterà per farsi accettare dagli altri cani finché Castoro Grigio lo venderà a uomo crudele che farà di lui un cane da combattimento. Dopo numerose lotte, in fin di vita, Zanna Bianca sarà salvato da una coppia amorevole e diventerà il loro migliore amico.

Zanna Bianca e Il richiamo della foresta sono i primi due romanzi per ragazzi che ho letto da bambina adolescente. La storia dei cani, della natura selvaggia, della crudeltà dell’uomo mi ha fatto versare molte lacrime ma credo che il mio amore per la natura sia nato anche da queste due bellissime letture.

Buck, protagonista de Il richiamo della foresta, strappato alla sua cara famiglia, viene venduto ai crudeli cercatori d’oro che lo rendono un cane dal carattere aspro e selvaggio. Zanna Bianca, da selvaggio, passa attraverso la crudeltà umana per poi trovare una famiglia che lo ama.

ENPA e le Giornate degli Animali. Come ogni anno, il 6 e 7 ottobre sono le giornate dedicate agli animali. Anche quest’anno ENPA sarà nelle piazze italiane in queste giornate per raccogliere fondi a favore dei numerosi animali in difficoltà nei canili e nei gattini.

Ma quest’anno sarà presente anche la mascotte Zanna Bianca, proprio quella del film in uscita nelle sale cinematografiche con un bellissimo zainetto che riporta l’immagine del lupo protagonista del film.

zanna-bianca-ex-cambattenti-22740

Zanna Bianca e ENPA nelle Giornate degli Animali (foto©EnpaMonzaeBrianza)

Dal 2002, in particolare, ENPA porta avanti un progetto che riguarda la rieducazione di cani pitbull ex combattenti. Questi animali, salvati dai combattimenti selvaggi ai quali sono stati obbligati per anni, devono essere curati e rieducati prima di poter essere inseriti in una famiglia adottiva.

Ecco allora che la storia di Zanna Bianca si unisce al progetto di inserimento dei pitbull, presentandosi insieme nelle Giornate degli Animali:

 “Dall’inizio del progetto ad oggi sono parecchi i cani che, dopo aver terminato un positivo ciclo di rieducazione, sono stati affidati a famiglie selezionate”.

L’attuale obiettivo di ENPA è quello di poter continuare questo percorso, forti del fatto che “per ogni criminale che trasforma i cani in belve da combattimento, ci sono persone che li fanno tornare cani”.

Quest’anno vi invito a fare un giro nelle piazze e a fare un offerta a favore di questi animali. Preciso che questo post non è retribuito e non ricevo nessun compenso per la sua pubblicazione.

Si tratta di un invito personale alla visione del film e a informarsi su questo progetto che non conoscevo e che mi sembra molto interessante.  Aiutiamo questi cani che sono stati vittime della crudeltà di alcuni esseri umani senza scrupoli a tornare a vivere una vita serena e senza violenza.

Parte il progetto The Ocean Cleanup

The Ocean Cleanup è il progetto di un giovane ragazzo olandese, Boyan Slat, che vuole ripulire gli oceani dalla plastica che li inquina con un traguardo ambizioso: “entro il 2040 via il 90% della plastica dagli oceani”

Da molti anni tratto nel blog il problema dell’inquinamento di mari e oceani. L’anno scorso ho partecipato al convegno One Ocean Forum dal quale è emerso che mari e oceani sono gravemente danneggiati dall’eccesso di plastica. Qualche anno fa mi aveva molto colpito la lettura del libro “Come è profondo il mare” al quale ho dedicato una serie di post qui sul blog.

Questa estate molte persone si sono accorte dai gravi danni che la plastica porta ai nostri fiumi, ai laghi, ai mari e agli oceani. In molti gruppi di discussione, tante persone hanno iniziato a fare qualcosa in prima persona, come pulire un tratto di costa marina o aderire ad associazioni che lavorano a favore della salvaguardia dei mari. Eliminare il più possibile la plastica usa e getta dalle nostre vite è il primo passo da fare. Poi ci sono diversi progetti interessanti, tra i quali quello del giovane Boyan Slat.

Come funziona The Ocean Cleanup. Si tratta di una serie di tubi galleggianti posti sulla superficie dell’oceano, a forma di U, in modo da convogliare tutta la plastica al centro di questa figura. Senza l’utilizzo di motori, né l’intervento dell’uomo. Questa invenzione “inserita tra le migliori del 2015 da Time gli è valsa un posto nella lista di Forbes degli Under 30 più brillanti al mondo”

Il progetto. Dopo aver dato vita alla fondazione The Ocean Cleanup, Slat ha raccolto denaro da privati e tramite una raccolta fondi online, ha messo insieme un team di scienziati e dopo numerose prove fatte in laboratorio, ora il suo progetto è pronto per partire nell’Oceano Pacifico.

launch-trajectory-system001

Il progetto The Ocean Cleanup (foto©TheOceancleanup)

Il primo passo prevede di trascorrere un mese su di una barca al largo di San Francisco per osservare il funzionamento del tubo galleggiante. Un tubo galleggiante lungo 600 metri al quale è ancorato uno schermo galleggiante profondo sei metri – e non una rete che danneggerebbe gli animali marini. Questo sistema crea una zona di mare calmo nella quale dovrebbe fermarsi tutta la plastica che verrebbe poi raccolta dagli operatori e avviata alle corrette procedure di riciclo.

Un sistema da replicare. Il lungo tubo galleggiante, una volta appurato il suo funzionamento, verrà riproposto in almeno altre cinque zone degli oceani nelle quali la plastica si accumula e forma delle proprie isole di plastica, come il Great Garbage Patch. Si prevede di posizionare oltre sessanta tubi in tutto l’Oceano.

Un progetto interessante, proposto da un ragazzo molto giovane che si è posto come obiettivo quello di rendere la Terra e le sue acque un posto meno inquinato. Di certo non è la soluzione al problema dell’inquinamento da plastica ma speriamo possa funzionare per dare maggiore ossigeno ai nostri oceani.

Photo Ark: la scomparsa delle specie animali

Sabato scorso ho visitato la mostra fotografica di Joel Sartore dedicata agli animali in pericolo di estinzione. Anche se il suo lavoro si basa su specie che vivono negli zoo e negli acquari, credo sia comunque utile per sensibilizzare le persone verso la scomparsa delle specie animali.

“La metà delle specie potrebbe scomparire entro il 2100”. Questo cartellone è il primo che ho visto visitando la mostra Photo Ark presso il City Life Shopping District a Milano. Una mostra fotografica che vuole raccontare gli animali che rischiano l’estinzione. E a quanto pare sono molti.

La perdita di una specie animale o vegetale è per sempre e può danneggiare un intero ecosistema. Secondo le stime della IUCN – Unione mondiale per la conservazione della natura – le specie in pericolo sono migliaia al mondo, dalle rane ai gorilla di montagna, dalle farfalle agli elefanti. Le cause principali di queste scomparse sono la perdita dell’habitat, il cambiamento climatico e l’inquinamento.

Cosa succede ad una specie. Tutte le specie a rischio estinzione hanno in comune il calo delle loro popolazioni, come si legge sui cartelloni che raccontano la mostra fotografica. La specie minacciata entra in un vortice di estinzione: i pochi individui superstiti con la loro bassa variabilità genetica non bastano a tenere in vita la specie.

Il fotografo: Joel Sartore. Joel Sartore ha fotografato animali per anni per conto del National Geographic, interessandosi soprattutto ai problemi della salvaguardia della natura.

“Il progetto nasce dal disperato desiderio di fermare, o almeno rallentare, la biodiversità a livello globale”

Sartore ha realizzato dei ritratti in studio delle specie che stanno scomparendo, per sensibilizzare il pubblico, prima che sia troppo tardi. Sono oltre 12.000 le specie del globo terrestre che vivono in cattività, negli zoo e negli acquari del mondo.

Le foto creano un legame visivo tra gli animali minacciati e il pubblico che può così conoscere quanti individui restano di ogni singola specie allo stato naturale e negli zoo e acquari. Ogni ritratto descrive l’animale e indica il pericolo di estinzione al quale è sottoposto, con i dati della IUCN.

Perché una mostra su animali in cattività? Ho visitato la mostra cercando di rispondere a questa domanda. Vale la pena fare ritratti di animali che vivono chiusi in uno zoo o in un’acquario? All’inizio ero un po’ scettica, ma poi mi sono ricreduta. Sensibilizzare sul problema dell’estinzione degli animali è sempre una cosa importante. Certo sarebbe meglio salvaguardare le popolazioni di piante e animali che vivono in natura, ma anche gli animali che vivono negli zoo e negli acquari meritano la nostra attenzione. Molto spesso l’unico esemplare di una specie ancora in vita è proprio quello che vive in uno zoo o in un acquario del mondo.

Zoo e acquari: sì e no. In linea genrale credo che gli animali debbano vivere in natura, liberi, nel loro habitat. Dunque non sono favorevole agli zoo e agli acquari. D’altra parte siamo spesso noi uomini a danneggiare il loro habitat, ad invaderlo o peggio a ferire e uccidere questi animali. E allora, se serve a salvare queste creature rimaste sole che non potrebbero più essere riimmesse nella loro area, ma che hanno come unica possibilità di vita quella di stare in un ambiente protetto, allora posso ammettere l’esistenza di queste strutture. Solo come ricovero, come ospedale, come unico estremo rimedio alla morte degli individui.

La reazione delle persone. Mi sono spesso soffermata a fotografare, come potete vedere da queste immagini e a osservare le persone. Ho visto molti bambini avvicinarsi alle foto degli animali e molti adulti fermarsi a leggere, a scambiare qualche parola sull’argomento, a cercare di capire. Sarà pure poco, ma se serve a far conoscere, a sensibilizzare sul mondo della natura e degli animali che stiamo irrimediabilmente perdendo e danneggiando, allora credo che ne valga comunque la pena.

“Ogni animale ha una storia di importanza cruciale da raccontare. Noi non dobbiamo fare altro che ascoltarla”

*nota* Le foto delle due gallery sono state scattate da me ai cartelloni espositivi della mostra. Le foto originali degli animali sono tutte realizzate da ©Joel Sartore.

The Florence Experiment: cosa comunichiamo noi alle piante?

Se siete a Firenze fino al 26 agosto non perdetevi The Florence Experiment. Perché le piante comunicano con noi, ma sarà vero anche il contrario?

Devo dire che questa domanda me la sono posta raramente, ma è molto interessante. Numerosi studi ci confermano che le piante comunicano con il mondo esterno attraverso composti chimici. E credo che su questo siamo tutti d’accordo. 

Ma noi uomini siamo in grado di comunicare qualcosa alle piante? Felicità, tristezza, paura, coraggio sono emozioni che possiamo trasmettere anche a un essere vegetale? 

the florence experiment

the florence experiment

Per rispondere a queste domande è in corso a Firenze – fino al 26 agosto 2018 – The Florence Experiment, una mostra a cura di Arturo Galansino. Un progetto che unisce arte, scienza e tecnologia per studiare l’interazione tra piante ed esseri umani.

Carsten Höller è un celebre artista tedesco, famoso per le sue installazioni in grado di coinvolgere ed emozionare. 

Stefano Mancuso, fondatore della neurobiologia vegetale, studia da anni l’intelligenza delle piante, di questi esseri complessi dotati di grande sensibilità e in grado di comunicare col mondo esterno attraverso composti chimici.

Insieme hanno creato questa installazione che permetterà di capire, attraverso analisi di parametri scientifici, se noi esseri umani siamo in grado di trasmettere delle emozioni alle piante.

The Florence Experiment prevede due diversi tipi di esperimenti sul tema del rapporto uomo-pianta. 

La prima parte del progetto – The Florence Experiment Slides – è rappresentata da due grandi scivoli nel cortile. Alcuni visitatori, scelti in modo casuale, sono invitati a scendere dagli scivoli portando con sé una pianta di fagiolo.

Non so voi, ma io sarei curiosissima di provare, nonostante il mio problema legato alle vertigini. Dopo la discesa, la pianta verrà analizzata da un team di scienziati che valuterà i parametri fotosintetici e le molecole emesse dalla pianta di fagiolo durante l’esperimento. Questi dati saranno poi confrontati con quelli di tutte le altre piante che hanno preso parte alla discesa insieme a un accompagnatore umano. Ci sarà anche un gruppo di piante di controllo che invece saranno rimaste ferme a terra. 

Nella seconda parte del progetto – Plant Decision-Making based on Human Smell of Fear and Joy – si utilizzano due sale cinematografiche. Nella prima saranno proiettate scene di film horror e nella seconda scene di film comici. Le persone assisteranno all’una o all’altra proiezione a scelta. Durante la visione del film, ogni persona produce delle molecole, composti chimici legati alla paura o alla gioia, che, inconsapevolmente, rilasciamo nell’ambiente. L’aria delle sale sarà convogliata in due diversi condotti di areazione. 

Questa aria sarà portata verso la facciata della mostra dove è piantato un glicine con due biforcazioni a forma di Y. L’aria dalla sala horror sarà convogliata da un lato, mentre su quello opposto sarà riversata quella proveniente dal film comico.

Il glicine crescerà in modo diverso nei due rami? Sarà influenzato dalla paura o dalla gioia che noi essere umani abbiamo provato?

Per sapere le risposte dovremmo attendere settembre, la fine dell’esperimento.

Ma, conoscendo un po’ il mondo delle piante, sono quasi sicura che avremo dei risultati interessanti sia per la discesa libera dei fagioli che per l’albero del glicine.

Non so se la mostra sarà portata in altre città. Certo se farà tappa a Milano non me la perderò. Sul sito trovate maggiori informazioni. Fatemi sapere come vi sembra se riuscirete a visitarla.           Buona discesa a tutti ;-)

Animali specchio dell’anima

“Gli animali domestici, cani e gatti, vivono le nostre emozioni, condividono i nostri malesseri, sono legati profondamente a noi”. Un libro che ci fa scoprire messaggi interessanti sui nostri malesseri e su quelli degli animali che vivono con noi

La mia gatta di 15 anni ha avuto una disavventura ed è stata male. Ora sta meglio, ma le cure continuano e ci vorrà del tempo. In quel periodo intenso di medicine e visite dal veterinario ho deciso di leggere il libro Animali specchio dell’anima e ho trovato molte considerazioni interessanti.

Perché gli animali si ammalano? Qual è la radice più profonda della loro malattia? A queste domande cercano di dare una risposta gli autori: Ruediger Dahlke, esperto del legame uomo-animali, e Irmgard Baumgartner, veterinaria specialista in omeopatia.

“L’animale e la persona che lo accudisce diventano un tutt’uno col passare del tempo. L’animale dedica la propria vita a una persona in particolare e diventa parte di essa”

animali_specchio_anima

La copertina del libro “Animali specchio dell’anima”

Spesso diciamo: “Il mio cane (gatto) è la mia ombra”. Tutto vero. Ne parlava già Jung – leggo nel libro perché non sono esperta di psicologia – dicendo che “l’ombra è l’insieme delle funzioni e degli atteggiamenti non sviluppati della personalità”.

I nostri animali domestici, facendoci da ombra, ci aiutano a capire meglio noi stessi e magari ad affrontare alcuni problemi che non abbiamo ancora risolto col nostro carattere, con la nostra parte interiore, con l’inconscio.

Il libro è diviso in due sezioni, una per autore. Nella prima parte del libro, Ruediger Dahlke ci fa riflettere sul rapporto con i nostri amici a quattro zampe. Possiamo toccarli, accarezzarli, entrare in contatto con loro liberamente – con le persone, il contatto troppo stretto genera paura, timore, diffidenza se non si è parenti o conoscenti della persona in questione.

Oltre al contatto, allo stesso modo si crea un parallelismo tra le patologie dell’animale e quelle del proprietario: “gli animali possono mettersi a disposizione dei proprietari ed esprimere qualcosa al posto loro”.

Gli animali possono sollevarci da alcune malattie, manifestando sul loro corpo i nostri personali problemi, facendoci riflettere sulla nostra salute fisica e psichica.

Andando dal veterinario capita spesso che capisca dal problema dell’animale domestico qual è quello del proprietario. Gli animali hanno una grande apertura psichica e riescono a intercettare lo stato d’animo del loro compagno umano. Questo spiega perché molti dei proprietari di animali domestici sono consapevoli dell’esistenza di un’anima nei loro compagni di vita.

Quello dell’anima negli animali è un dibattito molto attuale. Quando si vive a contatto con gli animali si crea un coinvolgimento interiore, una sensibilità maggiore.
Papa Francesco, primo tra tutti i papi, ha riconosciuto l’esistenza di un’anima negli animali. San Francesco d’Assisi era stato l’unico precedente, l’unica figura della Chiesa ad affermare l’esistenza dell’anima anche negli animali.

Gli animali ci offrono l’opportunità di conoscere meglio noi stessi. Sono un sostegno alla nostra esistenza. Sono una una guardia del corpo e spesso percepiscono prima di noi quello che accade o accadrà in un tempo vicino.

Gli animali domestici, dunque, sono degli ottimi protettori per i bambini. Sono amici, compagni, da curare e amare. Ci permettono di giocare, gioire, lasciarci andare.

Nelle popolazioni native di molti paesi del mondo, gli animali totem sono una guida per l’uomo, ci accompagnano nella nostra esistenza, ci suggeriscono la strada migliore da intraprendere. Se vuoi saperne di più sugli animali guida, ti suggerisco di leggere questi miei tre articoli a proposito – uno, due e tre.

Tutti noi sappiamo che gli animali sono in grado di dare degli aiuti concreti all’uomo. Pensiamo ai cani da valanga, da ricerca, da soccorso, a quelli che accompagnano persone non vedenti o diversamente abili, alla pet-teraphy. Tutto questo accade grazie alla loro abilità di entrare in empatia col proprio amico umano.

Nella seconda parte del libro, Irmgard Baumgartner, ci racconta casi clinici veri, incontrati in anni di lavoro nel suo studio di veterinario omeopata – su questi non entrerò nei particolare perché mi hanno davvero sorpreso molto e vi invito a leggerli personalmente nel libro.

Irmgard dice di essersi sempre chiesta, da veterinaria, se non fossero in realtà gli animali a voler far curare i propri padroni. Una domanda sorprendente, alla quale finora non avevo mai minimamente pensato.

“La malattia di un animale domestico è strettamente correlata alla situazione esistenziale del suo proprietario”

Spesso “gli animali domestici sviluppano quadri clinici corrispondenti allo stato d’animo dei loro compagni umani”. Se il padrone soffre di una crisi esistenziale dovuta a una malattia, a gravi problemi di lavoro o di famiglia, anche l’animale si ammala. Traslochi, separazioni, licenziamenti, malattie e morti sono tutti traumi gravi da vivere, da sopportare e da superare.

Secondo lo studioso Sheldrake “esiste la capacità da parte degli animali di cogliere intenzioni e sentimenti degli esseri umani anche a grandi distanze”. Perché, come avrete letto spesso nei miei post, “tutto è correlato con il tutto”.

Emozioni e pensieri sono forme mentali e posseggono un’energia che si trasmette all’ambiente sotto forma di vibrazioni. Anche gli scienziati hanno riconosciuto un comportamento morale in molti animali: nei primati, nei lupi, nelle iene, nei delfini e nelle balene, negli elefanti e persino nei ratti e nei topi. Tutto questo ci avvicina sempre più a loro.

Gli animali ci sorprendono con la loro capacità di stare al nostro fianco, di aiutarci e confortarci nei momenti di bisogno. Ma non si fermano a questo: sono in grado di farsi carico di alcune malattie, al posto nostro. Di indicarci la strada da percorrere perché, prendendoci cura delle loro patologie, non possiamo che riflettere sulle nostre e avere cura di noi stessi.

Se volete approfondire l’argomento, questo è il libro:
Ruediger Dahlke – Irmgard Baumgartner – Animali specchio dell’anima – vivono le nostre emozioni, condividono i nostri malesseri, sono legati profondamente a noi – Gruppo Macro editore – 126 pagine – prezzo di copertina 12,50€